NOTIZIE
Gianmaria Balducci nuovo presidente di Legacoop Produzione e Servizi

Comunicato stampa 28/10/2020

Gianmaria Balducci nuovo presidente di Legacoop Produzione e Servizi

  • Eletto al termine dell’assemblea di mandato. Guiderà l’associazione per i prossimi 4 anni
  • Ha 45 anni, è presidente della cooperativa Cefla di Imola
  • Balducci: “La priorità in questa fase è la tutela del lavoro. Le imprese chiedono investimenti e sostegno ai settori più in difficoltà, il governo deve far ripartire l’economia reale”

Roma, 28 ottobre 2020Gianmaria Balducci è il nuovo presidente nazionale di Legacoop Produzione e Servizi. È stato eletto al termine della prima assemblea di mandato dell’associazione che rappresenta 2.400 imprese cooperative, che danno lavoro a 154.000 persone (+2% nel 2019) di cui circa l’80% soci lavoratori e che nel 2019 hanno sviluppato un valore della produzione di 16,53 miliardi di euro (+2,5%). Alla vicepresidenza Paolo Barbieri, presidente di Cpl Concordia; Francesco Malaguti, presidente di Camst; Paolo Mongardi, presidente di Sacmi e Angelo Migliarini,  responsabile dipartimento produzione e servizi Legacoop Toscana.

Balducci, 45 anni, è presidente di Cefla dal 2013, cooperativa imolese in cui è entrato appena ventenne, nel 1995. Oggi Cefla è un gruppo con 580 milioni di fatturato, con quote di export superiore all’80% in alcune business unit, e oltre 2.000 dipendenti.

Ringrazio Carlo Zini, presidente uscente, per il lavoro svolto e ringrazio i delegati per la fiducia e darò il massimo per ricambiarla: sarò presidente di tutti i territori e di tutti i settori. Abbiamo davanti sfide difficili, acuite ancora di più da questa nuova ondata della pandemia. La più importante è quella di tutelare il lavoro e dare nuove prospettive alle imprese – ha commentato Gianmaria BalducciIl 7% delle nostre associate, soprattutto le cooperative più piccole, temono una riduzione permanente delle attività e chiedono al governo di impegnarsi su due grandi questioni: investimenti pubblici in infrastrutture, digital e green economy e incentivi al consumo nei settori più colpiti. È il momento di passare dalle parole ai fatti, di far ripartire l’economia reale. In questa richiesta le imprese cooperative e i soci che ci lavorano ci troveranno sempre al loro fianco”.

X
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all'uso dei cookie. Ho capito ed acconsento all'uso dei cookie