NOTIZIE
AreaStudi Legacoop-Ipsos, italiani ancora preoccupati per effetti del conflitto in Ucraina
Economia: AreaStudi Legacoop-Ipsos, italiani ancora preoccupati per effetti del conflitto in Ucraina; 4 su 10 ridurranno i consumi, il 38% teme perdita di potere di acquisto.
Forte riduzione per i consumi di abbigliamento, energia, carburanti.
Lusetti “Servono misure di emergenza contro il carovita”

COMUNICATO STAMPA

Roma, 7 giugno 2022 – Gli italiani si aspettano ripercussioni sull’economia nazionale dal conflitto in Ucraina, anche se meno consistenti rispetto alla percezione registrata all’inizio della guerra, e temono, soprattutto, un aumento generalizzato dei prezzi, l’esplodere dell’inflazione, una riduzione delle forniture di gas. Una preoccupazione che si manifesta nell’intenzione di risparmiare, riducendo i consumi, nonché nel timore di perdere potere di acquisto e di vedere svalutati i propri risparmi.  

Sono le principali evidenze che emergono dal Report “FragilItalia”, elaborato da Area Studi Legacoop e Ipsos, in base ai risultati di un sondaggio, condotto su un campione rappresentativo della popolazione, per testare l’evoluzione della percezione relativa agli effetti del conflitto in Ucraina sull’economia italiana.

Ad attendersi ripercussioni del conflitto in Ucraina sulla nostra economia è la quasi totalità degli italiani (il 95%), ma con una percezione mutata rispetto a fine febbraio, in corrispondenza dell’inizio della guerra. Aumenta, infatti, di 6 punti la percentuale (48%) di chi si aspetta effetti contenuti, mentre diminuisce dello stesso valore la percentuale di chi paventa conseguenze molto pesanti (il 47%; ma il 52% nel ceto popolare). In testa alle preoccupazioni c’è l’aumento generalizzato dei prezzi (68%, in aumento di 2 punti rispetto a febbraio), l’esplosione dell’inflazione e l’aumento dei prezzi di pasta, pane, farine (entrambe al 42%, con 6 punti in più). In calo, invece, di ben 17 punti, al 39%, la preoccupazione per la riduzione delle forniture di gas.

A fronte della situazione attuale, e delle incertezze riguardo agli sviluppi futuri, il 39% degli italiani (2 punti percentuali in più su febbraio) pensa di fare risparmi riducendo i consumi; il 38% (in aumento di 6 punti) ritiene che perderà parte del suo potere di acquisto (valore che nel ceto medio-basso si colloca al 41%, in crescita di 13 punti); il 32% (in crescita di 4 punti) teme che i suoi risparmi perdano di valore. Un dato, quest’ultimo, particolarmente evidente nel ceto medio, dove cresce di 10 punti rispetto a febbraio, collocandosi al 35%.

“Gli italiani sono preoccupati per la guerra – commenta Mauro Lusetti, presidente di Legacoop- ma sono preoccupati soprattutto per il proprio futuro. Mentre infiamma un assurdo dibattito al ribasso sul reddito di cittadinanza come causa della carenza di lavoratori, le maggiori preoccupazioni degli italiani indicano con chiarezza il reale problema: in un paese già affetto da un’enorme questione salariale, la fiammata del carovita erode i risparmi, amplia le diseguaglianze e semina inquietudine. L’aumento dei costi di produzione ha risalito rapidamente le filiere produttive e, in queste settimane, si sfoga sui prezzi al consumo. Occorre salvaguardare il potere d’acquisto degli italiani; è urgente evitare che la loro ansia rallenti ulteriormente consumi anche primari e contribuisca ad avvitare la situazione. I timidi segnali di fiducia, che anche l’ISTAT ha rilevato in questi giorni, sono una tenue fiamma che va alimentata in attesa che le risorse del PNRR entrino in circolo. Ma per fare ciò servono misure tempestive per affrontare l’emergenza prezzi”.

I risultati del sondaggio mettono in luce come gli effetti del conflitto Russo-Ucraino sull’economia abbiano ulteriormente appesantito una serie di difficoltà già avvertite dalle famiglie. Ad esempio, rispetto ad inizio anno aumentano le difficoltà di pagare rate di finanziamenti personali (in crescita di 10 punti, al 66%), di pagare l’affitto (in crescita di 12 punti, al 65%) e di pagare il mutuo (+ 9 punti, al 61%). A pagare il prezzo più alto giovani della fascia 18-30 anni (il 76% ha difficoltà a pagare l’affitto), i residenti nel Mezzogiorno, gli appartenenti al ceto popolare (dove l’85% dichiara difficoltà a pagare le rate del mutuo e l’84% i canoni dell’affitto) e medio-basso.

Ma sono anche i consumi a risentirne. L’81% dichiara di dover ridurre i consumi di gas ed energia elettrica (2 punti in più rispetto a inizio anno); il 75% di abbigliamento (4 punti in più); il 74%  di benzina e gasolio (3 punti in più); il 69% di scarpe (1 punto in più); il 69% di cosmetici (2 punti in più); il 62% di carne (1 punto in più) e di salumi (2 punti in più); il 60% di pesce (1 punto in più).

In testa alla lista dei consumi che subiranno i tagli più drastici o la completa rinuncia si colloca l’abbigliamento (33%), seguito dai prodotti cosmetici (30%), dalle scarpe e da gas ed energia elettrica (entrambi al 29%) e da benzina e gasolio (26%).

Link al servizio pubblicato dal Sole 24 Ore online

X
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all'uso dei cookie. Ho capito ed acconsento all'uso dei cookie