link al contenuto della pagina | link al menu generale | link alla ricerca sul sito |
Seguici su
Seguici su Facebook - Apre una nuova finestra Seguici su LinkedIn - Apre una nuova finestra Seguici su You Tube - Apre una nuova finestra
legacoop bologna


contenuto della pagina:
  • indietro

Attualità

da associata | scuola|  

Borse di studio universitario: dieci giovani premiati da Camst

Data evento: 26/01/2015
foto premiazione
foto premiazione

Sabato 24 gennaio 2015 si è svolta la cerimonia di consegna delle Borse di Studio Universitario promosse da Camst. Dieci i vincitori di questa prima edizione, dei giovani brillanti con storie di successo ottenuto grazie a impegno, passione e sacrificio.

Edoardo Bucci, Silvia Camarri, Mattia Casadei, Daniele Cenci, Anja Habus, Alessio Lucca, Mirko Monti, Irene Pozzetto, Giulia Puggioli, Monica Santi, studenti, figli dei soci lavoratori della cooperativa, provenienti da tutte le regioni d'Italia, sono i vincitori del primo bando indetto da Camst per l'assegnazione di dieci Borse di Studio Universitario per merito del valore di mille euro ciascuna.
Questa non è l'unica iniziativa a favore degli studenti universitari pensate da Camst. Da oltre trent'anni, infatti, l'azienda accorda dei contributi a figli dei soci dei lavoratori iscritti all'Università e ai soci lavoratori stessi che studiano. Quest'anno sono stati 140 i bonus assegnati per un valore variabile tra i 200 e i 300 euro ciascuno.

 

COMUNICATO STAMPA CAMST
Dieci giovani brillanti premiati da Camst
 
Si è svolta questa mattina la cerimonia di consegna delle Borse di Studio Universitario promosse dalla cooperativa bolognese. Storie di successo ottenuto grazie a impegno, passione e sacrificio.
 
Bologna, 24 gennaio 2015

Tanti sogni, un curriculum universitario perfetto e una grande passione. E' questo il profilo dei vincitori della prima edizione delle borse di studio universitario Camst, premiati questa mattina nel corso di una cerimonia che si è tenuta all'interno del Self Service Tavolamica di Villanova di Castenaso (Bo), a pochi metri dalla sede della cooperativa.
Camst, azienda leader nella ristorazione con oltre 11.000 dipendenti in tutta Italia, ha infatti indetto un bando per l'assegnazione di dieci Borse di Studio Universitario per merito del valore di mille euro ciascuna. Al bando hanno potuto partecipare studenti - figli dei soci lavoratori della cooperativa - provenienti da tutte le regioni d'Italia.
Storie di successo meritato grazie all'impegno e al sacrificio, come quella di Mirko Monti di Pordenone, videomaker iscritto a Scienze e Tecnologie Multimediali all'Università di Udine, vincitore di numerosi premi grazie ai suoi cortometraggi e con il sogno nel cassetto di realizzare un documentario. O quella di Edoardo Bucci, ventiduenne di Grosseto, laureto con Lode alla Bocconi e che ora studia a Nottingham per specializzarsi in Finanza e Investimenti. Percorsi accademici brillanti - come quello di Irene Pozzetto - frutto di una vocazione: nata in una famiglia di chef e cuochi, ricorda il giorno che, accompagnando il padre a una visita dermatologica, decise il suo futuro: "dentro lo studio rimasi folgorata da tutto quello che mi circondava: lo strumentario, il profumo di disinfettante, i macchinari laser, gli scaffali ricolmi di farmaci e da questa Dottoressa che con gentilezza e professionalità, fece la visita, la diagnosi e prescrisse l'adeguata terapia.  Ricordo di essere uscita e, con le farfalle allo stomaco, aver pensato io voglio diventare come lei. Fu da quel preciso istante fino ad oggi, che non ho mai abbandonato l'idea e la speranza di diventare dermatologa".
Questa non è l'unica iniziativa a favore degli studenti universitari pensate da Camst. Da oltre trent'anni, infatti, l'azienda accorda dei contributi a figli dei soci dei lavoratori iscritti all'Università e ai soci lavoratori stessi che studiano. Quest'anno sono stati 140 i bonus assegnati per un valore variabile tra i 200 e i 300 euro ciascuno.
Nel corso della cerimonia di premiazione sono intervenuti: Antonella Pasquariello (Presidente Camst), Marco Minella (Segretario Generale Camst) e Roberto Grandi (docente dell'Alma Mater Studiorum Università di Bologna e direttore del Master in Marketing, Communication and New Media presso la Bologna Business School).
La Presidente di Camst, Antonella Pasquariello ha dichiarato:
"Pensate al futuro che vi aspetta, pensate a quello che potete fare, e non temete niente. Abbiamo scelto questa frase di Rita Levi Montalcini perché meglio di ogni altra è in grado di rappresentare lo spirito di questo progetto. In questa frase, infatti, sono sintetizzati valori importanti come il futuro, il merito e il coraggio, valori ben presenti nelle storie di questi ragazzi, figli dei nostri soci lavoratori, ma soprattutto portatori di speranza e fiducia nel futuro del nostro Paese. Futuro, merito e coraggio sono inoltre valori che ben rappresentano l'identità della nostra cooperativa, che quest'anno festeggia il suo 70° anniversario dalla fondazione".
Il Prof. Roberto Grandi, intervenuto alla cerimonia, ha dichiarato:
"Questa iniziativa è ancora più significativa se la collochiamo nel contesto italiano caratterizzato da un calo delle immatricolazioni all'università dal 2003 ad oggi del 20%, con immatricolazioni che interessano solo 3 diciannovenni su dieci. Estremamente ridotto è anche il numero di laureati nella fascia di età 25-34: 21% in Italia contro il 39% tra i paesi Ocse. A questo quadro negativo corrispondono alcuni segni incoraggianti tra i quali il minor numero di anni impiegati per raggiungere la laurea e una maggiore apertura al rapporto con le imprese sia a livello di tirocini sia a livello di progettualità più ampie."
 
Ufficio Stampa
Mattia Grillini
tel. 051 2107 594
mob. 329 3263128
e-mail:  mattia.grillini@camst.it
www.camst.it

Inserito da legacoop bologna il 26/01/2015

@PAGE_TITLE@Don Luigi Ciotti :"Stima, gratitudine e affetto per la cooperazione"./@PAGE_TITLE@
economia locale | legalita'|  

Don Luigi Ciotti :"Stima, gratitudine e affetto per la cooperazione".

Data evento: 23/01/2015
DonCiotti
Don Luigi Ciotti

Dal sito web Cooperare con Libera Terra, un passaggio del discorso di Don Luigi Ciotti, a Bologna per presentare la Giornata nazionale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime di tutte le mafie che si terrà il prossimo del 21 marzo in città.

Oggi (23/01/2015) Don Luigi Ciotti a Bologna per presentare la Giornata nazionale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime di tutte le mafie che si terrà il prossimo del 21 marzo 2015 in città.

Durante il suo intervento Don Ciotti ha ricordato l'impegno della cooperazione a sostegno della legalità. "Veniamo soprattutto qui - ha detto - per un segno di grande riconoscenza per questa terra. Il primo corso di formazione ai giovani per aprire la prima cooperativa sui beni confiscati è stato in questa regione". Così come, ha sottolineato Ciotti, è stata qui la prima centrale cooperativistica che "ci ha detto, vi dò una mano", a credere in quelle nostre cooperative che oggi "danno libertà e dignità a tante persone". E "la prima realtà che ci ha dato una mano per la cooperazione e per la vendita di quei prodotti è stata la Coop Adriatica quà, in questa terra". Così Don Luigi Ciotti ha voluto esprimere "la stima, la gratitudine e anche l'affetto" nei confronti della cooperazione bolognese ed emiliana presentando nella seduta del Consiglio metropolitano il grande appuntamento nazionale di Libera a Bologna, per il quale sono attese circa 150 mila persone (e oltre 600 familiari di vittime delle mafie) che si incontreranno per ribadire il proprio impegno contro i cartelli criminali e la corruzione. Ed affermare, come ha ancora ricordato il fondatore di Libera - l'associazione di associazioni che quest'anno celebra i 20 anni di attività - che "la politica è la prima forma di carità e di impegno nei confronti dei più deboli e al servizio della verità e della giustizia".


Ascolta qui l'audio dell'intervento di Don Ciotti: http://www.cooperareconliberaterra.it/?p=448

Inserito da legacoop bologna il 26/01/2015

@PAGE_TITLE@Agricoltura per uno sviluppo sostenibile e lotta alla povertà./@PAGE_TITLE@
da associata | eventi|  

Agricoltura per uno sviluppo sostenibile e lotta alla povertà.

Data evento: 23/01/2015
GVC - SAVE THE DATE - 23.01.15_01.jpg
GVC - SAVE THE DATE - 23.01.15_01.jpg

GVC Italia organizza un Convegno a Bologna il 23 gennaio 2015 con Paolo De Castro, le istituzioni e il mondo agricolo.

Venerdi 23 Gennaio 2015, dalle ore 9,15, presso la Sala Ulisse, Accademia delle Scienze in Via Zamboni 31, Bologna si svolgerà il convegno dal titolo

"AGRICOLTURA, MODELLI A CONFRONTO: QUALE FUTURO PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE E LA LOTTA MONDIALE ALLA POVERTA?"
Politica Agricola Comunitaria, Sicurezza Alimentare, Agricoltura Familiare e Contadina, Agro-ecologia: riflessioni e prospettive per una coerenza nelle politiche di sviluppo europee, nazionali e locali.

 

L'obiettivo del dibattito è coinvolgere i policy makers, le ONG, i gruppi di agricoltori nazionali e internazionali, e in generale gli esponenti del mondo produttivo che promuovono politiche per lo sviluppo e politiche agricole, per ragionare insieme sulla possibilità di un modello di sviluppo coerente che garantisca la sicurezza alimentare, la sostenibilità economica, sociale ed ambientale delle produzioni e conduca efficacemente la lotta alla povertà a livello globale.  Ne parleranno l'europarlamentare Paolo De Castro ed altri importanti relatori per capire se, e in quali termini, la Politica Agricola Comunitaria e le misure in ambito nazionale e regionale siano coerenti e in linea con gli obiettivi di sviluppo (umano e rurale) concordati a livello internazionale e il ruolo che l'agricoltura familiare e l'agro-ecologia possono ricoprire.

Il dibattito vuole contribuire ad offrire spunti per l'elaborazione di una strategia italiana verso una maggior coerenza delle politiche adottate dall'UE e dai paesi membri, per fare in modo che esse non contrastino gli sforzi compiuti dalla comunità internazionale per assicurare lo sviluppo sostenibile in tutto il mondo e per lottare contro la povertà globale.

L'evento è organizzato in collaborazione con Concord Italia, la piattaforma italiana della Confederazione delle ONG europee per l'aiuto e lo sviluppo, nell'ambito del progetto "More and better Europe", finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dall'Unione Europea.

 

Programma della giornata:

09.15: Registrazione ed accoglienza

09.30: Saluti ed introduzione
Dina Taddia - Presidente GVC
Margherita Romanelli - Coordinatrice Capacity Building progetto "More and Better Europe" Concord Italia e GVC

10.00 - 11.30: Panel 1 - Le politiche agricole tra crescita del settore agricolo e obiettivi di lotta alla povertà della cooperazione internazionale. Coordina: Luca Basile - Università di Bologna, Icea, FairTrade.
Paolo De Castro - Europarlamentare
Felice Assenza - Direttore Generale Direzione Generale Politiche Internazionali e dell'Unione Europea, Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.
Mariarosa Stevan -  Esperta dell'Unità Tecnica Centrale DGCS e Direttore dell'Istituto Agronomico per l'Oltremare di Firenze
Simona Caselli - Assessore all'Agricoltura dell'Emilia-Romagna
Alessia Benizzi - Settore Cooperazione Decentrata, Regione Emilia-Romagna 

11.30 -13.00: Panel 2 - Voci dal "Campo": esperienze, contraddizioni, sintesi, richieste per un sistema agricolo coerente e sostenibile per lo sviluppo locale e globale. Coordina: Margherita Romanelli - GVC.
Stefano Masini - Responsabile Territorio e Ambiente Coldiretti
Luciano Sita -  Esperto in Cooperativismo
Antonio Lo Fiego - Presidente AIAB Emilia-Romagna
Pierpaolo Lanzarini - Presidente Campi Aperti
Nicola Pagani - Esperto GVC e Presidente Deafal

13.00 - Conclusioni
Monica di Sisto - Coordinatrice Policy Coherence for Development progetto "More and Better Europe", Concord Italia.

A conclusione dell'evento verrà offerto un buffet biologico.

 

Per informazioni contattare GVC  - Margherita Romanelli tel.: 051.585604, e-mail: margherita.romanelli@gvc-italia.org
Visita la pagina facebook dell'evento.

download

Inserito da legacoop bologna il 21/01/2015

@PAGE_TITLE@Cambio al vertice di Legacoop Bologna: Simone Gamberini al posto di Ethel Frasinetti/@PAGE_TITLE@
legacoop bologna | associazione|  

Cambio al vertice di Legacoop Bologna: Simone Gamberini al posto di Ethel Frasinetti

Data evento: 19/01/2015
Rita Ghedini Simone gamberini 2014-Congresso-Legacoop-BO_322.jpg
Rita Ghedini Simone gamberini 2014-Congresso-Legacoop-BO_322.jpg

La nomina a Direttore dell'associazione di Simone Gamberini dopo le dimissioni rassegnate da Ethel Frasinetti.
La presidente Rita Ghedini: "Ringrazio Ethel per il lavoro fatto in questi anni, di grande impegno e risultati nel miglioramento del lavoro associativo. Bologna ha investito e continua ad investire su giovani per far crescere la  cooperazione" . Stefano Cevenini (Unilog Group) è il nuovo vicepresidente.

NOTA ALLA STAMPA

CAMBIO AL VERTICE DI LEGACOOP BOLOGNA: GAMBERINI AL POSTO DI FRASINETTI
La nomina a Direttore dell'associazione di Simone Gamberini dopo le dimissioni rassegnate da Ethel Frasinetti
La presidente Rita Ghedini: "Ringrazio Ethel per il lavoro fatto in questi anni, di grande impegno e risultati nel miglioramento del lavoro associativo. Bologna ha investito e continua ad investire su giovani per far crescere la  cooperazione" . Stefano Cevenini (Unilog Group) è il nuovo vicepresidente.

 

Bologna 19 gennaio 2015 - Simone Gamberini è il nuovo direttore di Legacoop Bologna. E' stato nominato dalla nuova presidenza dell'associazione, su proposta della presidente Rita Ghedini.

Prende il posto di Ethel Frasinetti che ha rassegnato le proprie dimissioni dopo aver diretto per sei anni Legacoop Bologna. Le dimissioni di Frasinetti sono state presentate al termine della stagione congressuale che ha visto il rinnovamento degli organismi dirigenti di Legacoop Bologna e in sintonia con lo spirito positivo di rinnovamento dei ruoli.

"A nome dei membri della presidenza e dei cooperatori di Legacoop ringrazio sinceramente Ethel Frasinetti che anche con questo gesto dimostra il suo impegno e la sua fiducia nella forza del rinnovamento.  - dichiara la presidente di Legacoop Bologna,  Rita Ghedini - E' un gesto da cooperatrice vera, in  piena coerenza con l'orientamento al ricambio nei ruoli e alla circolazione delle migliori competenze che stiamo portando avanti. Ethel ha contribuito a rafforzare Legacoop, rinnovare e dare nuova linfa alla nostra squadra portando avanti progetti di cui vedremo i frutti anche nei prossimi anni. Ad Ethel va anche il mio ringraziamento personale: abbiamo fatto un gran tratto insieme, in ruoli diversi, ma sempre vicine nel leggere e cercare di interpretare i cambiamenti necessari alla Coperazione; sono certa che questa collaborazione e consonanza continueranno nel tempo anche in ruoli rinnovati. La responsabilità ora passa nelle mani di  Simone Gamberini che avrà il compito di dirigere una squadra giovane e affiatata e stringere sempre di più il rapporto tra associazione e imprese cooperative. Quello alla direzione di Legacoop Bologna è  un cambio progettato,  che investe su una risorsa, quella di Gamberini, entrato nella nostra squadra già da qualche mese: come fatto negli anni scorsi con Ethel Frasinetti,  abbiamo deciso di puntare ancora su una persona giovane e di valore ma con una grande conoscenza del territorio e della cooperazione. Sono certa - conclude Ghedini - che Simone Gamberini ha le caratteristiche giuste per fare un lavoro positivo per la cooperazione".

Simone Gamberini ha 41 anni, è stato sindaco di Casalecchio di Reno dal 2004 al 2014,  dal 2008 è presidente dell'Istituto nazionale per lo studio e il controllo dei tumori e delle malattie ambientali "B. Ramazzini" , è stato coordinatore provinciale dell'Anci, consigliere provinciale e vice segretario del Pd di Bologna.

 

Quella di oggi è stata la seconda riunione del nuovo Comitato di presidenza di Legacoop Bologna dopo il congresso dello scorso 10 novembre 2014.

Stefano Cevenini ( Unilog Group) è stato nominato vicepresidente di Legacoop Bologna nella riunione della Direzione tenutasi nello scorso mese di dicembre.

Fanno parte della presidenza, inoltre: Gianpiero Calzolari (Granarolo Spa), Luca Lelli (Ciab), Luigi Passuti (Coop Costruzioni), Adriano Turrini (Coop Adriatica), Pierluigi Stefanini (Unipol Gruppo Finanziario), Roberto Lippi (Open Group), Rita Ghedini (Fibo - Coop Murri), Antonietta Pasquariello (Camst), Giuliano Di Bernardo (Manutencoop), Riccardo Carboni (Cotabo), Franca Guglielmetti (Cadiai), Marco Bertuzzi (Ansaloni), Carla Ferrero (Società Dolce).

 

Inserito da legacoop bologna il 19/01/2015

ethel_frasinetti_2014-Congresso-Legacoop-BO_084.jpg
ethel_frasinetti_2014-Congresso-Legacoop-BO_084.jpg
Cevenini_2014-Congresso-Legacoop-BO_176.jpg
Cevenini_2014-Congresso-Legacoop-BO_176.jpg
@PAGE_TITLE@Congresso Legacoop Nazionale: gli interventi e i documenti/@PAGE_TITLE@
nazionale | associazione|  

Congresso Legacoop Nazionale: gli interventi e i documenti

Data evento: 09/01/2015

I video degli interventi al 39° Congresso di Legacoop Nazionale, i documenti (Documento di mandato, Relazione Presidente Lusetti, Indagine SWG, Rendiconto Esecutivo), "Dicono di noi" (Idee, proposte e riflessioni per il mondo della cooperazione)

Sono disponibili a questo link i video degli interventi e i documenti relativi al 39° Congresso nazionale di Legacoop Nazionale, svoltosi a Roma dal  16 al 18 dicembre 2014.

Video Interventi

Documenti: Indagine SWG , Documento di mandato, la relazione del presidente Lusetti, il rendiconto dell'Esecutivo

Dicono di noi
 

Composizione organismi dirigenti di Legacoop nazionale eletti dal 39° Congresso che si è svolto dal 16 al 18 dicembre 2014 :
Direzione Nazionale, Comitato dei garanti e il Collegio dei revisori dei conti

donciotti.jpg
donciotti.jpg

Inserito da legacoop bologna il 09/01/2015

green.jpg
green.jpg

©2007 Legacoop Bologna | Viale Aldo Moro 16 | 40127 Bologna | Italia | Tel. ++39.051.509.828 - Fax. ++39.051.509.834 | info@legacoop.bologna.it