NOTIZIE
“Saldi d’artista”: la cooperazione attraverso l’arte

“SALDI D’ARTISTA”: LA COOPERAZIONE ATTRAVERSO L’ARTE
SOCIETÀ DOLCE E GIUSEPPE STAMPONE PARLANO DEL PROGETTO

 

Comunicato stampa Società Dolce

C’è chi della propria vita fa un’arte e chi, attraverso l’arte, comunica la vita. Dall’incontro tra Società Dolce, cooperativa sociale che si occupa di servizi alla persona e l’artista Giuseppe Stampone, è nato l’ambizioso cammino tra vita e arte. Obiettivo? Realizzare il Contagiorni2017, un calendario che in un approfondimento visionario racconta l’attuale condizione dei modelli cooperativi.

È iniziata così, la collaborazione tra uno degli artisti più interessanti della sua generazione, con esperienze di spicco nel panorama internazionale, capace di mettere in discussione i concetti di autorialità e del ruolo stesso dell’arte nella società e Società Dolce.

 “Ci è piaciuto definirlo Abecedario – racconta Pietro Segata, presidente di Società Dolce – perché attraverso questo progetto artistico, nato da un lavoro di comunità tra i soci e l’artista, vogliamo diffondere un’educazione  ai valori di partecipazione, fiducia e cambiamento, tipici della cooperazione. Presentiamo l’arte di chi crea e l’arte di chi del cooperare fa uno stile di vita, rendendo il quotidiano delle persone fragili migliore, in sintonia con i modelli formali e relazionali dell’arte contemporanea, capaci d’inserire nel mondo reale una nuova dimensione del possibile”.

Ma cosa spinge un artista eclettico come Giuseppe Stampone, a misurarsi in modo assembleare con decine di persone che lavorano nel sociale? “Anche nell’arte – spiega Stampone – si deve tornare all’identità dell’essere umano. L’abecedario come simbolo dell’educazione e per educare dobbiamo partire dalle esperienze, dai vissuti. Le lettere che accompagnano le tavole realizzate sono una mappa dell’educazione, un’architettura delle emozioni. L’arte oggi è responsabilità ed è etica e deve creare nuove coscienze.”

Il modello emiliano di cooperazione e di educazione saranno portati da Stampone alla Biennale di Seoul.

Il lavoro creativo ha visto la condivisione autoriale con altri dieci autori italiani e stranieri e in collaborazione con gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Urbino. Tra loro, nomi noti della sfera internazionale, quali Stefano Boccalini, Jota Castro, Emilio Fantin, Ugo La Pietra, Andrea Nacciarriti, Obra Architects Studio, Lorenzo Scotto Di Luzio, Marinella Senatore, Solstizio Project, Eugenio Tibaldi.

“Un progetto capace di diffondere i valori cooperativi tra i giovani e provare così a contribuire a risolvere alcuni problemi, economici e sociali – dice Matteo Lepore, assessore all’Economia e Promozione della città, Immaginazione civica, Sport e Patrimonio – Per questo l’abbiamo riconosciuta come un’iniziativa di pubblico interesse e inserita nel calendario di Art City. Servirà a creare nuove reti, soprattutto tra i giovani, perché la cooperazione esiste se riesce a trasmettere valori tra generazioni.”

D’accordo anche Rita Ghedini, presidente di Legacoop Bologna: “Un’iniziativa, questa di Società Dolce, che contribuisce alla riflessione avviata da tempo dal mondo della cooperazione, sul modo in cui si racconta e rappresenta e che ha trovato il suo culmine nel “Sillabario della cooperazione”, presentato alla Biennale dell’Economia cooperativa, svoltasi a Bologna lo scorso novembre. L’arte aiuta la cooperazione a presentarsi in modo diverso e i visitatori a rapportarsi in maniera innovativa con la cooperazione.”

Il risultato di questo percorso è nell’originale installazione, esposta nell’ambito di ART CITY Bologna, in occasione di ARTE FIERA: SALDI D’ARTISTA – La cooperazione attraverso l’arte, aperta presso il Centro italiano di Documentazione sulla Cooperazione e l’Economia Sociale, via Mentana 2, venerdì 27 gennaio e domenica 29, dalle ore 14 alle 20 e sabato 28 gennaio, dalle ore 14 alle 24.

L’evento è curato da Giacinto Di Pietrantonio e Pietro Gaglianò, sostenuto da Società Dolce, in collaborazione con il Centro Italiano di Documentazione sulla Cooperazione e l’Economia Sociale.

 

Seguirà una TAVOLA ROTONDA in programma venerdì 27 gennaio 2017, alle ore 15, presso la Sala Melodia di ARTEFIERA, nel Quartiere fieristico di Bologna, con la partecipazione del presidente di Legacoop nazionale Mauro Lusetti, dell’artista Giuseppe Stampone, del docente dell’Università di Bologna Antonio Matacena, dell’artista peruviano Jota Castro, del critico e curatore Pietro Gaglianò, del ricercatore di estetica dell’Università di Macerata Paolo Godani e la moderazione del presidente di Società Dolce Pietro Segata.

info: ufficio stampa, 366-6919353

 

Download Comunicato stampa (pdf)

SALDI D’ARTISTA

 

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto